esto al Sud: come il sogno di Sabino Del Negro diventa realtà a Barletta con l’apertura della sua pasticceria in via Giacomo Leopardi. Raccontiamo la sua bella storia come testimonianza vera, esemplare, autentica come la voglia di chi crede nelle proprie competenze e vuole dimostrarlo nei fatti come impresa di successo. Il 15 gennaio 2018 si presenta il progetto ‘Resto al Sud’, un’agevolazione per incentivare i giovani all’apertura di nuove attività imprenditoriali nel luogo di residenza. L’agevolazione prevede un contributo per l’investimento a fondo perduto pari al 35% oltre ad un finanziamento senza alcuna garanzia e a tasso zero, pari al rimanente 65%. A questo incentivo si somma un contributo sulle spese di gestione del primo anno. La prima attività che apre a Barletta, con questa nuova misura agevolativa, è la Pasticceria Del Negro. Infatti, il titolare Sabino, dopo aver frequentato la ‘Boscolo Etoile Accademy’ ed aver lavorato come pasticcere in rinomati locali in Italia e all’estero (Dubai), decide di mettersi in proprio nella sua città. Mentre si assiste alla fuga di talenti e di risorse dal Sud verso il Nord e verso l’Estero, Sabino va contro corrente e apre una pasticceria nella sua Puglia. Il sogno di non lasciare la propria terra, dunque, si realizza grazie al finanziamento, nell’ambito del progetto “Resto al Sud”, da parte della filiale del Banco di Napoli di Barletta.

Dunque, Sabino, con l’aiuto del suo commercialista, il professionista barlettano Tito Tiani, coglie immediatamente l’opportunità ed è tra i primi a presentare domanda di agevolazione per ‘Resto al Sud’, che ha la finalità di far permanere o di far ritornare nelle aree meridionali di provenienza tutti quelli che hanno un’idea imprenditoriale e la capacità e la professionalità per metterla in pratica. L’iniziativa di Sabino del Negro è stata premiata a Bari il 25 Maggio scorso nella sala Consiliare del Comune di Bari alla presenza del Sindaco di Bari, Antonio De Caro, di Domenico Arcuri, Amministratore Delegato di Invitalia e di Sabatino
Maurice, Presidente ABI Puglia.

Venerdì 7 settembre 2018, il sogno di Sabino diventa realtà con l’inaugurazione della sua pasticceria a Barletta, in Via Giacomo Leopardi per la gioia dei tanti estimatori e… dei golosi.

Intanto domani a Barletta alle ore 16 presso la Filiale del Banco di Napoli di corso Garibaldi, 123, nuova tappa di ‘Resto al Sud’.

Il comunicato di Banco di Napoli-IntesaSanPaolo:

Prosegue con la tappa di domani a Barletta il road show che Intesa Sanpaolo e Banco di Napoli hanno avviato in tutto il Sud peninsulare per presentare le opportunità dell’iniziativa “Resto al Sud” rivolta a sostenere l’imprenditoria giovanile e il tessuto economico del Mezzogiorno. Intesa Sanpaolo è stata tra le prime banche a firmare la Convenzione con Invitalia (Agenzia Nazionale per l’attrazione di investimenti e lo sviluppo di impresa) e ABI (Associazione Bancaria Italiana), “Resto al Sud. che sostiene, infatti, la nascita di nuove attività imprenditoriali avviate da giovani tra i 18 ed i 35 anni residenti in Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Abruzzo, Puglia, Sardegna o Sicilia, avvalendosi di una dotazione finanziaria di 1 miliardo e 250 milioni di euro messi a disposizione dal “Fondo per lo Sviluppo e la Coesione”.

Potranno essere finanziate le iniziative imprenditoriali operanti in produzione di beni nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura, fornitura di servizi alle imprese e alle persone, turismo. Sono invece escluse le attività agricole, libero professionali e il commercio.

Le agevolazioni contenute nella Convenzione prevedono un contributo a fondo perduto pari al 35% delle spese ammissibili erogato da Invitalia o un finanziamento bancario pari al 65% delle spese ammissibili, concesso dal Gruppo Intesa Sanpaolo. Ciascun soggetto può richiedere fino a 50.000 euro. Nel caso in cui il progetto sia proposto da 4 o più giovani sarà comunque possibile richiedere massimo 200.000 euro. L’iniziativa va incontro quella che è la forza propulsiva crescente dell’imprenditoria giovanile nel Mezzogiorno. Al 31 dicembre 2017 erano presenti in Italia 518.636 imprese giovanili delle quali 210.834, cioè il 40%, si concentra nelle regioni meridionali. Quasi tutte le regioni del Mezzogiorno presentano una quota percentuale di imprese giovanili, sul totale di quelle attive nel territorio, maggiore rispetto alle altre regioni italiane. Quasi tutte, ad eccezione dell’Abruzzo presentano una percentuale di imprese giovanili superiore al dato medio nazionale che è il 10,07%: Abruzzo 9,65%; Basilicata 11,42%; Calabria 14,21%;
Campania 13,70%; Molise 11,01%; Puglia 11,59%; Sardegna 10,46%; Sicilia 12,77%.

Il requisito di residenza può comunque essere soddisfatto trasferendosi in una delle 8 regioni meridionali entro 60 giorni dalla comunicazione dell’esito della domanda, termine che si allunga a 120 giorni per chi risiede all’estero. Possono presentare la domanda le società, anche cooperative, le ditte individuali costituite successivamente alla data del 21 giugno 2017.

Le domande sono presentabili esclusivamente online sul sito www.invitalia.it. È necessario registrarsi sulla piattaforma dedicata, disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta certificata. Per ogni informazione e assistenza sono a disposizione della clientela le filiali del Gruppo di Intesa Sanpaolo.

Fonte https://www.barlettanews24.it/Attualita/2418/resto-al-sud-il-sogno-di-sabino-diventa-realta